Agevolazioni alle imprese per favorire la registrazione di marchi – Marchi+3

Riapre il bando del Ministero dello Sviluppo Economico finalizzato alla registrazione del marchio, anche a livello europeo ed internazionale per sostenere le imprese e favorire la loro competitività nei mercati esteri attraverso una maggiore tutela del marchio. Tra le spese ammissibili anche la realizzazione grafica del Logo.
Le agevolazioni ricoprono fino al 90% delle spese ammissibili.

 

Il Bando Marchi +3

Riapre il bando “Marchi +3” che mette a disposizione 3,5 milioni di euro, gestiti da Unioncamere. Le domande potranno essere inviate a partire dal 30 marzo 2020 e sino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Le agevolozioni

Grazie al bando Marchi +3 sarà possibile scegliere tra due tipi di agevolazioni:

Misura A: agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici;
Misura B: agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici.

L’agevolazione concessa copre fino all’80% delle spese ammissibili, e fino al 90% per le domande che interessano Usa o Cina.

L’importo massimo che si può richiedere è pari a 6.000 euro per la misura A, mentre può arrivare a 8.000 per le domande che rientrano nella misura B e che designino Usa e/o Cina insieme ad un altro o più paesi.

 

Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di 20.000 euro.

Requisiti

I requisiti principali per accedere al bando:

  • avere una dimensione di micro, piccola o media impresa (sono esclusi i liberi professionisti)
  • avere sede legale e operativa in Italia
  • essere titolari del marchio oggetto della domanda di agevolazione

 

Servizi che rientrano nella copertura

L’impresa può richiedere un’agevolazione sulle spese sostenute per:

  1. Progettazione del marchio: ideazione elemento verbale e/o progettazione elemento grafico, cioè design del logo. L’attività di progettazione del marchio deve essere effettuata da un professionista grafico titolare di partita IVA relativa all’attività in oggetto o da un’azienda di progettazione grafica/comunicazione.
  2. Assistenza per il deposito effettuata da un consulente abilitato
  3. Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare, effettuate da un consulente abilitato
  4. Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione effettuata da un consulente abilitato.
  5. Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO e presso OMPI per la registrazione internazionale.

 

 

Vuoi registrare il tuo marchio o realizzane uno nuovo da registrare?

Recent Posts